sabato 13 giugno 2009

Amore di due compagni di scuola

Tratto da "Le mille e una notte"



Un giovanetto e una fanciulla schiava andavano a scuola insieme e il ragazzo si innamorò della ragazza, d’amore ardente. Un giorno, mentre gli altri ragazzi non badavano a loro, prese la lavagna della giovanetta e vi scrisse questi versi:


Che ne dici di colui, cui ha consumato una malattia, per il grande amore che ti porta, sì da restare fuori di sé ?
Ei si duole della sua passione, con spasimo e dolore, né gli riesce nascondere quel che porta in cuore!


Quando la ragazza prese la lavagna, vide i versi, li lesse, ne comprese il significato, pianse di pietà per lui, e sotto le righe del compagno scrisse questi versi:

Quando vediamo un innamorato tormentato dalla passione, gli diamo soddisfazione.
Egli raggiungerà con noi il fine del suo amore, e sia di noi quel che vuole essere!


Ora avvenne che entrò il maestro, trovò la lavagna mentre i due non gli badavano, la prese e lesse i versi. Fu mosso a compassione del loro caso e scrisse sulla lavagna, sotto i loro scritti, questi versi:

Corrispondi a chi ti ama, non temere le conseguenze, poiché il tuo diletto è tutto smarrito per amore;
E quanto al maestro non aver paura di lui, perché un tempo anche lui ha sperimentato l’amore.


Successe che il padrone della schiavetta entrò nella scuola in quel momento, trovò la lavagna, la prese, lesse lo scritto del giovane, quello della ragazza e quello del maestro e in fondo alla lavagna, dopo i versi di tutti gli altri, scrisse questi:

Che Iddio non vi divida per tutta l’eternità, e chi sparla di voi resti scornato e strapazzato!
Ma quanto al maestro, per Dio!, gli occhi miei non videro mai maggior mezzano di lui!


In seguito il padrone della schiava mandò a chiamare il cadi e i testimoni e lì sui due piedi fece stendere il suo contratto di nozze con quel giovane, offrì loro un banchetto e li beneficò largamente. Rimasero poi sempre insieme in salute e gioia, finchè no li colse la Distruttrice delle delizie, quella che separa le compagnie.

Condividi l' articolo su Facebook

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...